Il format nazionale di Nontiscordardimé 2019 sollecita il protagonismo delle “mamme green”, veicolo di cittadinanza attiva, portatrici di cambiamento in una città “affamata” di cultura di rete.

L’Associazione “Mamme di successo”, i nonni, l’operatore di agricoltura biologica Mario Infante,i plessi di S. Clemente e di S.Benedetto delle scuola per l’infanzia e primaria dell’Ic Vanvitelli, il Circolo Legambiente di Caserta hanno attivato i seguenti step:

a)      Piantumazione di essenze aromatiche e di fiori nei giardini scolastici

b)      Creazione di contenitori ( per interni e per esterni) per fiori con materiali riciclati

c)      Laboratori sul riconoscimento e la selezione dei semi di cereali e di frutta

d)      Laboratori di riciclaggio

e)      Laboratorio di pittura

f)       Merenda e spremuta di arance per tutti

g)      Individuazione degli alberi presenti

h)      Canti a tema ambientale

i)       Tinteggiatura dei cancelli perimetrali della scuola

Vivace e partecipata la presenza  dei cittadini,finalmente protagonisti insieme a figli e nipoti della trasformazione degli edifici e dei giardini scolastici, portatori di “bellezza” negli spazi dove l’infanzia trascorre  gran parte del suo tempo.

Teresa Fenzi

Caserta, 28/4/19

Nota: L'intero repertorio fotografico è visionabile sulla nostra pagina Facebook.

Venerdì 15 marzo 2019, in occasione del “Global Strike for Future”, manifestazione mondiale di protesta contro l’inerzia dei Governi nelle politiche di contrasto ai cambiamenti climatici, il Circolo Legambiente Caserta è stato invitato a partecipare a un dibattito sul tema dalla “Fondazione Villaggio dei Ragazzi” di Maddaloni.

Tra gli invitati, oltre l’A.Na.Vo, Associazione Nazionale di Volontariato, hanno partecipato Gianfranco Tozza, in rappresentanza di Legambiente Campania, e Marco Rossi, per Legambiente Caserta. A moderare l’incontro il Preside Claudio Petrone.

Numerosa è stata la partecipazione degli studenti, molte le classi delle scuole secondarie di secondo grado e una delegazione di una scuola media che ha aderito all’evento con degli striscioni e manifesti costruiti insieme alla docente che li accompagnava. Tutti i ragazzi, che hanno riempito la grande Sala Chollet, erano preparati e conoscevano le problematiche e le criticità del cambiamento climatico in atto, mostrandosi curiosi e attenti al tema. La formula del dibattito, con domande e risposte, ha garantito un interesse consapevole degli studenti, a dimostrazione che la giovane età e la non responsabilità sulle cause del cambiamento climatico da parte loro non ostacolano comunque un coinvolgimento attivo sulla adozione di politiche di contrasto e di riduzione dell’inquinamento e dell’innalzamento delle temperature, cause principali della variazione climatica.

A conclusione del dibattito, si è previsto un progetto di collaborazione tra la Fondazione, l’A.Na.Vo. e Legambiente Caserta per la riqualificazione ambientale del piazzale/giardino antistante la scuola, lasciata al degrado come purtroppo molte piazze e molti giardini pubblici italiani.

 

Rassegna stampa

 

In merito alla sentenza sul ricorso presentato da Legambiente, e altri, contro la prosecuzione dell'attività estrattiva in zona di crisi presso la Cava Vittoria, tra Caserta e Maddaloni, il nostro ricorso ha raggiunto lo scopo di interrompere l'attività estrattiva della cava, in quanto ha di fatto inibito la Cementir prima e la Maddaloni Cementi dopo a iniziare l'estrazione. 
Questo mancato avvio ha portato la Regione Campania a revocare l'autorizzazione dell'attività estrattiva e quindi, di conseguenza, ha fatto venir meno non solo ulteriori estrazioni, ma anche la materia del contendere in sede giudiziaria. Residua esclusivamente la rimozione del materiale stoccato e la ricomposizione ambientale dei luoghi. 
E' una buona notizia, a dimostrazione che l'impegno del nostro circolo, a contrastare scellerate scelte della politica che vanno discapito dei cittadini e del territorio, porta i suoi frutti.
Marco Rossi
 
 

Oggi, 15 marzo 2019 , la Scuola media Dante Alighieri, in collaborazione con il Circolo Legambiente Caserta ha partecipato all’evento mondiale di protesta dei giovani contro l’inerzia delle istituzioni nazionali ed internazionali, nell’affrontare il tema dei cambiamenti climatici, che come gli scienziati di tutto il mondo affermano, stanno già determinando e determineranno anche nei prossimi decenni sconvolgimenti climatici , che comprometteranno la vita sul pianeta.

L’operazione “Friday for future”, come é ormai noto, nasce dall’azione solitaria della ragazza sedicenne svedese, che ogni venerdì si é messa davanti al parlamento svedese con dei cartelli con cui ha denunciato l’inerzia dei gorverni di tutto il mondo, che non vogliono ascolatare l’allarme che gli scienziati di tutto il mondo stanno già da tempo lanciando.

Nell’aula magna della scuola si sono alternati tre gruppi di studenti, circa cinquanta per ogni gruppo, con i quali c’é stato un dibattito , che ha fatto seguito ad un filmato che ha mostrato alcuni degli effetti catastrafici, che già si stanno verificando in molte parte del mondo.

Nel dibattito sono emersi anche i comportamenti che ognuno può porre in essere per non aggravare la situazione climatica.

I ragazzi hanno anche espresso il desiderio che il  Comune provveda al più presto a far ridurre il traffico automobilistico in città, mediante la realizzazione di vere piste ciclabili e con mezzi pubblici efficienti.

E’ venuta anche la richiesta che il Comune dichiari Caserta “Città contro i cambiamenti climatici”.

I ragazzi si sono impegnati a riportare i contenuti dell’incontro sul sito della Scuola , hanno anche fatto presente che i contenuti di questo incontro saranno postati sul sito della Scuola e sul giornalino da loro gestito.

La cosa più bella é stata vedere sui loro volti l’interesse per questo grande problema, perc hé hanno capito che la questione riguarda veramente il loro futuro.