Lunedì 9 Novembre alle ore 17,15 si è tenuta l'assemblea straordinaria dei soci.

Questo l'ordine del giorno:

· relazione del presidente del circolo sull'attività 2014

· approvazione bilancio consuntivo 2014

· elezione dei delegati al congresso regionale campano

· tesseramento 2016

Carissimi,

come forse già sapete, sabato 14 novembre dalle ore 9.30 alle 19.30 e domenica 15 dalle ore 9.30 alle ore 13.30 prossimi si terrà il X Congresso Regionale di Legambiente Campania, in vista del Congresso Nazionale che si svolgerà a Milano l'11, 12 e 13 dicembre, e sarà un’importante occasione di rilancio, verifica e di confronto sui problemi che allo stato si agitano nel panorama internazionale, nazionale e locale – dalle crisi delle guerre civili che vedono coinvolti alcuni paesi Mediterraneo o il conflitto russo ucraino che a quanto pare sembra interessare il mondo politico solo per la crisi del nostro export in virtù dell'embargo dell'Unione Europea verso la russia.

Scarica il documento congressuale

Legambiente è un’associazione senza fini di lucro, le attività che organizziamo sono frutto dell'impegno volontario di migliaia di cittadini che con tenacia, fantasia e creatività si impegnano per tenere alta l'attenzione sulle emergenze ambientali del Paese.

Il Circolo Legambiente di Caserta esprime grande soddisfazione in merito all’epilogo del procedimento giudiziario contro l’Ing. Antonio Limatola ed altri per i danni ambientali causati dalla cattiva gestione della Cava Mastropietro a Caserta, in località Lo Uttaro, quest’ultima adibita, come è noto, a discarica nel marzo 2007 con apposita ordinanza del Commissario Bertolaso.

La sentenza del 26 c.m. emanata dal Tribunale di Santa Maria C.V., al termine di un procedimento giudiziario iniziato da oltre cinque anni, oltre a condannare a vario titolo l’Ing. Limatola, nella qualità di presidente del Consorzio di Bacino  Acsa Ce3, e la dott.ssa Emilia Tarantino, nella qualità di presidente del Consorzio di bacino Ce4, rispettivamente a diciotto mesi di reclusione e otto mesi di reclusione, ha riconosciuto alle parti civili, all’uopo costituitesi tra cui il nostro Circolo, un indennizzo monetario il cui importo, allorquando verrà elargito a nostro favore, fin da ora, dichiariamo di volerlo utilizzare in modo trasparente per il bene della nostra Città.

La nostra soddisfazione deriva inoltre dalla costatazione che, per la prima volta, i reati ambientali non sono rimasti penalmente impuniti e ciò fa ben sperare anche in considerazione della recente entrata in vigore della nuova normativa  sui cosiddetti “ecoreati”.

Un particolare ringraziamento va al nostro socio Avv. Achille D’Angerio che ha egregiamente e con successo difeso, durante il procedimento giudiziario, le nostre ragioni.

(Comunicato Stampa)

Scarica l'articolo della Rassegna Stampa

ex Caserma Sacchi, Via San Gennaro - 81100 Caserta

Visualizzazione ingrandita della mappa